lunedì 8 gennaio 2018

Farmacie private: apertura alle società di capitali

La legge 124/2017 «legge annuale per il mercato e la concorrenza» ha apportato numerose innovazioni al settore della distribuzione farmaceutica i cui punti salienti possono così essere sintetizzati:
  1. ingresso di società di capitali nella titolarità dell'esercizio della farmacia privata;
  2. rimozione del limite delle 4 licenze, attualmente previsto, in capo ad una identica società;
  3. divieto di controllo, diretto o indiretto da parte di un medesimo soggetto, di una quota superiore al 20 per cento delle farmacie della medesima regione o provincia autonoma;
  4. soppressione dei requisiti soggettivi per la partecipazione alle società che gestiscono farmacie, ovvero, anche una società di non farmacisti può essere titolare di farmacia privata, fermo restando la direzione della stessa a capo di un farmacista;
  5. la direzione della farmacia può essere affidata anche ad un farmacista non socio;
  6. incompatibilità per il socio persona fisica della società titolare dell’esercizio della farmacia privata con l’esercizio della professione medica e con qualsiasi altra attività svolta nel settore della produzione ed informazione scientifica del farmaco; compatibile parrebbe l’attività di intermediazione (distribuzione) del farmaco;
  7. concessione, ai titolari delle farmacie ubicate nei comuni con popolazione inferiore a 6.600 abitanti, che risultino essere soprannumerarie per decremento della popolazione, di ottenere il trasferimento territoriale presso comuni della medesima regione. La domanda di trasferimento è ammessa verso i comuni che presentino un numero di farmacie inferiore a quello spettante. Il trasferimento è concesso sulla base di una graduatoria regionale per titoli e previo il pagamento di una tassa di concessione governativa una tantum pari a 5.000 euro;
  8. modifica della disciplina sulla partecipazione in forma associata ai concorsi per il conferimento di sedi farmaceutiche in riferimento all'obbligo di mantenimento della conseguente gestione associata, che passa da dieci a tre anni;
  9. concessione di fornitura di medicinali utilizzabili in ambiente ospedaliero.
La novità che probabilmente ha suscitato maggior stupore con l’entrata in vigore della legge 124/2017 è stata l’opportunità data alle società di capitali (s.r.l., s.p.a, s.a.p.a.) di essere titolari dell'esercizio della farmacia privata che sino ad ora veniva preclusa a tali enti di diritto dotati di personalità giuridica e perfetta autonomia patrimoniale.

Le leggi che regolavano la titolarità delle farmacie private ammettevano infatti esclusivamente le forme della ditta individuale, società di persone, società cooperativa, impresa familiare o associazione in partecipazione (ex art. 7 L. 362/91, art. 2549 c.c.).

0 commenti:

Posta un commento