martedì 13 febbraio 2018

Inps 2018: Aumentano i contributi gestione artigiani e commercianti



L'INPS ha emanato la circolare INPS N. 27 del 12.2.2018 sulle aliquote contributive per le gestioni pensionistiche dei lavoratori artigiani e commercianti che, per l’anno 2018, salgono alla misura del 24 %.
Continua ad applicarsi, anche per l’anno 2018, la riduzione del 50% dei contributi dovuti dagli artigiani e dagli esercenti attività commerciali con più di sessantacinque anni di età, già pensionati presso le gestioni dell’Istituto.
Per gli iscritti alla gestione degli esercenti attività commerciali, all' aliquota del 24% dovrà essere sommato lo 0,09%, a titolo di aliquota aggiuntiva ai fini dell’indennizzo per la cessazione definitiva dell’attività commerciale.
Per l'anno 2018 il reddito minimo annuo da prendere in considerazione ai fini del calcolo del contributo IVS dovuto dagli artigiani e dagli esercenti attività commerciali è stato adeguato con l'indice ISTAT fissato all' 1,1% , ed è pari a € 15.710,00.
Il massimale di reddito annuo entro il quale sono dovuti i contributi IVS è pari a € 77.717,00 (€46.630,00 più € 31.087,00).
Il contributo IVS per l’anno 2018 è dovuto sulla totalità dei redditi d'impresa prodotti nel 2018 per la quota eccedente il predetto minimale di € 15.710,00 annui in base alle citate aliquote e fino al limite della prima fascia di retribuzione annua pensionabile pari, per il 2018, all’importo di € 46.630,00.
Per i redditi superiori a € 46.630,00 annui resta confermato l’aumento dell’aliquota di un punto percentuale.
Nel testo della circolare 27-2018 sono specificati tutti i calcoli per la definizione della contribuzione a saldo e le specifiche istruzioni su: Imprese con collaboratori, affittacamere e produttori di assicurazione di terzo e quarto gruppo, regime contributivo agevolato ai sensi della legge 23 dicembre 2014 n.190, termini e modalità di versamento.

0 commenti:

Posta un commento