giovedì 29 novembre 2018

Regime forfettario 2019: Nuovi limiti.



La Legge di Bilancio 2019 prevede nuovi limiti per le partite IVA che intendono aderire al regime forfettario di tassazione. La prima novità è che non vi sono più limiti di ricavi differenziati in base alle attività esercitate ma per tutti è fissata la soglia dei ricavi a 65.000,00 euro.
Oltre al limite di fatturato annuo di 65.000 euro, per l’accesso al nuovo regime forfettario, dal 1° gennaio 2019 i contribuenti titolari di partita IVA dovranno rispettare alcuni requisiti.
In primo luogo la Legge di Bilancio 2019, nel testo disponibile ad oggi, elimina i seguenti requisiti di accesso: spese per lavoro dipendente e assimilati non superiori a 5.000 euro lordi e beni strumentali di costo non superiore a 20.000 euro.

Saranno, invece, esclusi dal nuovo regime forfettario per le partite Iva:
- coloro che erano assunti come dipendenti o collaboratori e intendono avviare un’attività di lavoro autonomo che abbia come principale committente l’ex datore di lavoro;
-  i contribuenti in regimi speciali ai fini IVA o di determinazione dei redditi e i non residenti;
- le società di persone o SRL in regime ordinario o di trasparenza;
- i titolari di partita IVA che possiedono partecipazioni societarie.
Rimane confermato l’esonero dagli adempimenti IVA e quindi anche dall’obbligo di fatturazione elettronica.

0 commenti:

Posta un commento